Profumi Power Star World

 

COSA SONO DAVVERO I PROFUMI EQUIVALENTI

Iniziamo dicendo che i cosiddetti “Profumi Equivalenti” non sono delle copie o dei falsi creati a immagine e somiglianza dei profumi più famosi, ma sono delle Creazioni Originali che, pur ispirandosi alle note di questi, intendono far rivivere le sensazioni olfattive e se possibile migliorarle.

L'equivalenza quindi non si ricollega al concetto di copia, le composizioni di note olfattive sono infatti realizzate in maniera originale e possono risultare talvolta più apprezzabili di quelle a cui ci si può riferire per identificarle e poterle confrontare. Naturalmente le differenze possono essere percepite in maniera più o meno evidente a seconda della sensibilità olfattiva e del PH della pelle, meno è acida e più sarà persistente la fragranza.

Il concetto di equivalenza si basa sulla possibilità di realizzare profumi originali ispirati alle sensazioni olfattive di prodotti famosi e quindi riconoscibili dai clienti. Alla domanda “perché allora non realizzare e distribuire un essenza diversa, sconosciuta e non identificabile?” La risposta è proprio nella domanda! Tu acquisteresti un profumo che non conosci? E quanto dovrebbe essere “bravo” il venditore per abbattere il muro della diffidenza? Le motivazioni commerciali sono chiare a tutti e aggiungo un’esperienza diretta, una nota Azienda che produceva equivalenti ha distribuito con un nome di fantasia un profumo molto conosciuto, tra i più venduti in quel periodo, il risultato è stato clamoroso: vendite pari a ZERO!

Il Profumo è un acquisto emozionale!

Tutti i profumi sono miscele di acqua, alcool ed essenze. Nei profumi equivalenti la “Maestria” del profumiere sta proprio nella capacità di dosare il giusto mix di essenze tale da rendere il profumo che ne risulta molto affine ad una fragranza conosciuta.

Solitamente i profumi equivalenti sono contraddistinti da codici numerici. La riduzione al minimo delle spese pubblicitarie, la scelta di packaging non eccessivamente costosi, l'assenza di spese legate ai testimonial ed in generale la filosofia produttiva e distributiva focalizzata sul risparmio rendono  questi prodotti  estremamente convenienti in rapporto alla qualità.

I Profumi equivalenti possono rimanere decisamente convenienti anche con percentuali di essenze olfattive molto elevate e scelte tra quelle di migliore qualità.

 

Composizione del Profumo

 

Piramide olfattiva
Una composizione è una successione di materie prime complementari le une alle altre. Il profumiere creatore realizza la sua composizione grazie ai suoi strumenti, alle sue conoscenze tecniche e al suo senso artistico. La formulerà seguendo un metodo che tiene conto del grado di volatilità e di persistenza delle materie prime, svolgendola nel tempo in tre piani olfattivi teorici, le note di testa, di cuore e di fondo costituiscono la cosiddetta “piramide olfattiva”.

Perché si chiamano Note? Perché non siamo educati a descrivere i profumi, gli odori, in modo preciso e dettagliato, come sappiamo fare invece con i colori o con gli oggetti. Ci manca il vocabolario e sappiamo solo ricorrere a metafore e paragoni, anche perché l’olfatto è il senso che più di ogni altro sa restituirci emozioni e portarci alla memoria ricordi. I profumi non si vedono né si toccano, si apprezzano grazie alle immagini che sanno suscitare in noi, al tumulto di sensazioni che riescono a scatenare quando vanno a toccare le corde della memoria.

La piramide è una visualizzazione teorica del grado di evaporazione dei componenti e della loro persistenza. È costituita da tre livelli che permettono di illustrare lo sviluppo temporale della fragranza: note di testa, note di cuore e note di fondo. Che a loro volta si suddividono in diverse sfaccettature

Le note di testa sono le prime a essere percepite e sono particolarmente volatili (in media si attenuano dopo pochi minuti). Sono intense, fresche, leggere e sicuramente le più importanti per l'acquisto perché nei primi minuti devono far venire voglia di scoprire il profumo.

Le note di cuore sono le più potenti, più consistenti delle note di testa e di media persistenza. Sono quelle che conferiscono alla fragranza il suo carattere definitivo. Per due o tre ore si intrecceranno gli odori dei fiori, della frutta e le note verdi, espressione della ricchezza di un profumo e della sua “scia”

Le note di fondo sono note olfattive dotate di grande persistenza che ci accompagnano anche quando le note di testa e di cuore si sono ormai attenuate. Sono le note adatte a dare alle fragranze sostanza e profondità. È facile intuire che sono le note di testa a determinare l’acquisto di un profumo (nessuno di noi resterà in un negozio per più di 15 minuti attendendo di assaporare le altre note), al contrario, sono le note di fondo a generare fedeltà allo stesso.

"Colui che dominava gli odori, dominava il cuore degli uomini. Poiché gli uomini potevano chiudere gli occhi davanti alla grandezza, davanti all’orrore, davanti alla bellezza, e turarsi le orecchie davanti  a melodie o a parole seducenti. Ma non potevano sottrarsi al profumo…"

Patrick Süskind

 

 

Autore Articolo Sergio Rampolla
Contatto FaceBook Sergio Rampolla
Sito o Pagina FB grupporisparmio.it
Puoi scaricare questo file cliccando qui

 

Newsletter - Rimani aggiornato!

Ti Piace Power Star Blog? Condividilo con i Tuoi Amici!

FacebookMySpace TwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS FeedPinterest

Copyright © 2020 - Powered by Joomla! - Basic Project Design by AgeThemes - Realizzato da Sito Web Per Te